>Decreto Milleproroghe: il Governo regala all'INPS 6 mesi di sospensione della prescrizione Credit:

Nel consueto decreto Milleproroghe di fine anno il governo introduce una norma in favore dell'Istituto previdenziale. L'art. 12 della bozza circolante in queste ore prevede una proroga del termine di prescrizione dei contributi previdenziali, che, come è noto, è disposto dalla Legge 335/1995 art. 3 comma 9 ed è quinquennale.


La sospensione opera dalla data di entrata in vigore del Decreto sino al 30 giugno 2021. Pertanto, se l'articolo non verrà modificato nel testo finale, l'Inps avrà più tempo per notificare gli avvisi di addebito relativi all'anno di contribuzione 2015-2016.

Ulteriore modifica riguarda i termini per il recupero delle prestazioni indebite correlate alle campagne di verifica reddituale, nei confronti dei pensionati della Gestione previdenziale privata, relative al periodo d’imposta 2018. In questo caso il termine è prorogato al 31.12.2021.

Questo il testo dei due commi:

ART.12 (Proroga di termini in materia di competenza del Ministro del lavoro e delle politiche sociali)
(Sospensione dei termini di prescrizione delle contribuzioni di previdenza e di assistenza
sociale obbligatoria)
9. I termini di prescrizione delle contribuzioni di previdenza e assistenza sociale obbligatoria di cui all'articolo 3, comma 9, della legge 8 agosto 1995, n. 335, sono sospesi dalla data di entrata in vigore del presente decreto fino al 30 giugno 2021 e riprendono a decorrere dalla fine del periodo di sospensione. Ove il decorso abbia inizio durante il periodo di sospensione, l'inizio stesso è differito alla fine del periodo.

(Proroga del termine di cui all’articolo 13, comma 2, della legge 30 dicembre 1991, n. 412)
5. Il termine di cui al comma 2 dell’articolo 13, della legge 30 dicembre 1991, n. 412, è prorogato al 31 dicembre 2021 ai fini del recupero delle prestazioni indebite correlate alle campagne di verifica reddituale, nei confronti dei pensionati della Gestione previdenziale privata, relative al periodo d’imposta 2018, nonché ai fini delle conseguenti attività di sospensione, revoca ed eventuale ripristino delle prestazioni medesime.

 

Collabora con DirittoItaliano.com

Vuoi pubblicare i tuoi articoli su DirittoItaliano?

Condividi i tuoi articoli, entra a far parte della nostra redazione.

Copyright © 2020 DirittoItaliano.com, Tutti i diritti riservati.