Tributario

Tarsu: diritto alla riduzione in caso di disservizi nel servizio di gestione rifiuti

Se il servizio di smaltimento rifiuti non viene reso dal Comune, l'utente ha diritto ad una riduzione della tariffa pari al 40% anche nel caso in cui il disservizio non è imputabile all'ente.

E' quanto recentemente ribadito dalla Corte di Cassazione con Ordinanza 22767/2019 del 12.09.2019.

La riduzione è prevista dall'art 59 comma 4 d.lvo 507/93 secondo cui: "se il servizio di raccolta, sebbene istituito e attivato, non si è svolto nella zona di residenza o di dimora nell'immobile a disposizione ovvero di esercizio dell'attività dell'utente o è effettuato in grave violazione delle prescrizioni del regolamento di cui al primo comma, relative alle distanze e capacità dei contenitori ed alla frequenza della raccolta, da stabilire in modo che l'utente possa usufruire agevolmente del servizio di raccolta, il tributo è dovuto nella misura ridotta di cui al secondo periodo del comma 2" (cioè in misura non superiore al 40% della tariffa).

La Corte richiama un precedente giurisprudenziale secondo cui "Il diritto alla riduzione presuppone l'accertamento specifico (mirato sul periodo, sulla zona di ubicazione dell'immobile sulla tipologia dei rifiuti conferiti e, in generale, su ogni altro elemento utile a verificare la ricorrenza in concreto della richiesta riduzione) della effettiva erogazione del servizio di raccolta rifiuti in grave difformità dalle previsioni legislative e regolamentari, il cui onere probatorio grava sul contribuente che invoca la riduzione, il quale deve dimostrare il presupposto della riduzione della Tarsu ai sensi del D.Lgs. n. 507 del 1993, art. 59, comma 4; che consiste nel fatto obiettivo che il servizio di raccolta, istituito ed attivato:
- non sia svolto nella zona di residenza o di dimora nell'immobile a disposizione o di esercizio dell'attività dell'utente;
- ovvero, vi sia svolto in grave violazione delle prescrizioni del regolamento del servizio di nettezza urbana, relative alle distanze e capacita dei contenitori ed alla frequenza della raccolta, in modo che l'utente possa usufruire agevolmente del servizio stesso, pur nella notorietà del grave e perdurante disservizio nella raccolta e conferimento dei rifiuti che ha colpito la città di Napoli." (cfr. Cass. 3265/2019)

La Corte, nel caso di specie, ha respinto il ricorso presentato dal Comune di Napoli che lamentava che la mancata erogazione del servizio era dipesa da cause non imputabili all'ente stesso.
Difatti, una volta provato da parte del contribuente che il servizio di smaltimento non è stato reso dal Comune non rilevano le situazioni di imprevedibilità o non imputabilità all'ente territoriale del disservizio.
Va disapplicato, per contrasto con la disciplina primaria di cui al D.Lgs. n. 507 del 1993, il regolamento comunale che escluda o limiti il diritto alla riduzione Tarsu, subordinandone il riconoscimento ad elementi - quale quello della responsabilità dell'amministrazione comunale ovvero della prevedibilità o prevenibilità delle cause del disservizio" ( cfr. Cass. 22531/2017).



Avv. Gennaro Esposito
avv.gennaroesposito@gmail.com

Redazione: Tel 0958365088 - Email: redazione@dirittoitaliano.com