Le sentenze di marzo

Le sentenze pubblicate nel sito durante il mese di marzo.

Tribunali


Tribunale Locri - Lavoro e previdenza -Sentenza 312 del 13.03.2018
L'impugnabilità della pretesa creditoria deve essere fatta nel rispetto del termine previsto di 60 giorni ex art.21 d.lgs. n. 546 del 1992, sicché I'avvenuta conoscenza dell'atto esplica effetto in ordine non soltanto alla determinazione in capo al contribuente della legittimazione ad impugnare ma anche al termine di esercizio di tale legittimazione.

Tribunale Trapani -Sentenza 299/18 del 12.03.2018
"La documentazione prodotta nel fascicolo monitorio e segnatamente la fattura sufficiente per l’emissione del decreto ingiuntivo non può ritenersi bastevole nella fase di merito trattandosi di documento di natura fiscale proveniente dalla stessa parte"


Commissioni Tributarie

Commissione Tributaria Provinciale Salerno - Sez. Quinta -Sentenza 517 del 14.02.2018
In tema di opposizione all'estratto di ruolo esattoriale e alla legittimità dell'eccezione di prescrizione ove l'Agente della Riscossione ha dato prova della regolare notifica della cartella, ha ritenuto ammissibile tale eccezione, in quanto il Giudice è comunque tenuto a sottoporre a vaglio l'eccezione di prescrizione.


Commissione Tributaria Provinciale Salerno - Sez. Quinta -Sentenza 510 del 14.02.2018
In tema di opposizione all'estratto di ruolo esattoriale e alla legittimità dell'eccezione di prescrizione ove l'Agente della Riscossione ha dato prova della regolare notifica della cartella, è ammissibile tale eccezione, in quanto il Giudice è comunque tenuto a sottoporre a vaglio l'eccezione di prescrizione

Commissione Tributaria Provinciale - Sez. Quinta civile -Sentenza 506 del 14.02.2018
In tema di notifica dell'accertamento tributario, qualora la notifica sia stata effettuata nelle forme dell'art. 140 c.p.c., ai fini della prova dell'avvenuto perfezionamento del procedimento notificatorio, è necessaria la produzione in giudizio dell'avviso di ricevimento della raccomandata.

Commissione Tributaria Provinciale Siracusa - -Sentenza 881/2018 del 14.02.2018
Notifica cartella a mezzo pec - formato PDF - illegittimità - sussiste


CORTE DI CASSAZIONE

Civile


Corte di Cassazione - Sez. Terza civile -Sentenza 4932 del 02.03.2018
Modalità di deposito cartaceo della notifica telematica


Corte di Cassazione - Sez. Lavoro -Ordinanza 4633 del 28.02.2018
In tema di opposizione a cartella esattoriale relativa a contributi previdenziali, è possibile esperire, con un unico atto, sia un'opposizione sul merito della pretesa oggetto di riscossione, di cui all'ad 24 del d.lgs. 26 febbraio 1999, n. 46, sia un'opposizione agli atti esecutivi, inerente l'irregolarità formale della cartella, regolata dagli art. 617 e 618 bis cod. proc. civ., per il rinvio alle forme ordinarie operato dall'art. 29, comma 2, del d.lgs. n. 46 del 1999. Ne consegue che, qualora l'opposizione sia stata depositata entro il termine perentorio di quaranta giorni, di cui all'art 24, comma 5, del d.lgs. n. 46 del 1999, ma oltre quello di venti giorni, di cui all'art. 617 cod. proc. civ. (come modificato dal d.l. 14 marzo 2005, n. 35, conv. con modif. in I. 14 maggio 2005, n. 80, vigente "ratione temporis"), va ritenuta la tardività delle eccezioni formali, ossia di quelle attinenti la regolarità della cartella di pagamento e della notificazione

Corte di Cassazione - Sez. Sesta civile -Ordinanza 5992 del 12.03.2018
Presupposto per l'iscrizione alla gestione commercianti è lo svolgimento da parte dell'interessato di attività commerciale, laddove la società di persone che svolga un'attività destinata alla locazione di immobili di sua proprietà ed alla riscossione dei relativi canoni di locazione non svolge un'attività commerciale ai fini previdenziali, a meno che detta attività non si inserisca in una più ampia di prestazione di servizi quale l'attività di intermediazione immobiliare, senza che rilevi il contenuto dell'oggetto sociale o altri fattori.

Redazione: Tel 0958365088 - Email: redazione@dirittoitaliano.com